fruste bondage e giochi erotici di ruolo

Frusta bondage. Il sex toy tra schiavo e padrona

La cultura bondage ed il ruolo della frusta, sex toy per eccellenza.

Quando il dolore diventa piacere.
Per gli amanti delle pratiche sessuali sadomaso e bondage un elemento essenziale, che non può mancare durate la “sessione punitiva”, è il frustino sadomaso.
La frusta bondage, viene usata dal partner dominante, che può essere sia uomo che donna, nei confronti del partner dominato, che assume un comportamento remissivo e di accondiscendenza nei confronti del proprio padrone. Il numero dei partner dominanti e quello dei dominati può variare, quindi ci si può trovare in una seduta bondage, in cui il dominante è una persona sola che ha sotto di sé più di un partner dominato e viceversa. Ciò che distingue queste due figure è che al dominante piace usare la frusta bondage, mentre al dominato piace provarla sul proprio corpo.
Diversi tipologie di fruste per diversi tipi di fustigazioni.
Il giusto strumento per il giusto piacere.
E’ chi assume il ruolo di padrone a decidere con che tipo di frusta punire la sua vittima, e quali parti del corpo colpire. La scelta delle parti del corpo da frustare e le varie tipologie di frusta bondage da usare, infatti, non sono casuali, ma esiste un modello di frustino adatto per ogni parte del corpo da colpire.
Nella fase del gioco in cui il padrone decide di voler frustare la schiena dello schiavo, allora, generalmente, si predilige una frusta fetish monocoda abbastanza lunga, circa 160 cm, per poter colpire da lontano la schiena dello schiavo e godersi lo spettacolo da una certa distanza.
Invece, nella fase di gioco in cui il padrone vuole colpire parti precise del corpo del felice malcapitato, allora, servono dei sex toys più precisi, come la frusta paletta e la frusta a più code.
La frusta paletta è un tipo di frusta dalle dimensioni piccole, dove all’estremità è presente una paletta, che provoca una piacevole sensazione di bruciore e rossore sulla parte del corpo dove viene sferrata.
Questa tipologia di frusta BDSM viene utilizzata soprattutto per colpire parti del corpo molto sensibili, come i glutei, la vagina, le guance ed i testicoli.
La frusta a più code, invece, è un sex toy che ha all’estremità più fasce, per cui, la vittima, con un solo colpo di frusta, subisce una punizione multipla. Lo spessore delle fasce possono variare a seconda del modello, e possono essere di pochi centimetri, fino ad arrivare anche a 5-6 cm. Anche il numero delle code è variabile, anche se il modello classico ha nove code.
Anche questa variante di frusta bondage viene utilizzata per colpire le parti sensibili del corpo, ed in particolar modo il petto ed il volto della vittima.
Il manico, generalmente, ha una struttura semplice ed ergonomica, anche se non mancano modelli che hanno il manico a forma di fallo, in maniera tale da far sì che il padrone possa alternare delle sessioni punitive di fustigazione a sessioni punitive di penetrazione col fallo presente sul manico, sempre utilizzando lo stesso comodo strumento di tortura e senza la necessità di dover cambiare l’oggetto, e perdere del tempo che rischierebbe di far svanire l’atmosfera che si viene a creare.
Colori e materiali di una frusta bondage, variano a seconda del modello. Per quanto riguarda i colori, le tinte più utilizzate sono il nero lucido, il rosso ed il viola, ovvero tinte che appartengono alla cultura bondage.
I materiali più utilizzati sono il cuoio, la pelle o la simil-pelle ed il PVC.